Eritrea. Il grido dei vescovi

Asmara 17/07/2014

L’hanno intitolata con la stessa citazione biblica scelta dal Papa nell’omelia del luglio scorso a Lampedusa, la domanda di Dio a Caino: «Dov’è tuo fratello?». E proprio all’isola dei migranti fanno espressamente riferimento ricordando la giornata tragica del 3 ottobre scorso, quella del naufragio al largo della Sicilia costato la vita a oltre 300 persone, la maggior parte delle quali provenienti proprio dal loro Paese...


Così, il sito Vatican Insider - il progetto del quotidiano “La Stampa”, dedicato all’informazione globale sulla Chiesa e sul  Vaticano - commenta la Lettera Pastorale dei Vescovi Cattolici dell’Eritrea del 25 maggio 2014, nel ventunesimo anniversario dell’indipendenza del Paese, intitolata appunto "Dov'è tuo fratello?".

I quattro eparchi di Asmara, Barentu, Keren e Segeneiti rivolgono infatti la domanda «Dov’è tuo fratello?» al proprio Paese, diventato sotto il pugno di ferro dal presidente Isaias Afewerki una delle terre africane dalle quali maggiormente oggi la gente scappa. Con fughe che si trasformano in odissee non solo nel Mar Mediterraneo, ma anche nell’arsura del deserto del Sinai, che gli eritrei percorrono cercando di raggiungere Israele mettendosi nelle mani di trafficanti senza scrupoli esattamente come gli scafisti.
continua... (sito Vatican Insider)

... la gioia del Vangelo
giunga sino ai confini della terra
e nessuna periferia sia priva della sua luce


Dov'è tuo fratello?
Lettera pastorale dei vescovi dell'Eritrea

11/05/2017
Dibattito a due voci sulla "questione siriana"
>>

30/09/2016
Eurostat. Mercato del lavoro: metà delle donne italiane sono fuori
>>

21/07/2016
Giornata Mondiale della Gioventù 2016
>>

21/07/2016
Italia. Al via l’attuazione della direttiva europea sul distacco transfrontaliero
>>